[ LINKS UTILI ] [ CREDITS ] [ COOKIES POLICY ]
cerca nel sito
cerca nel sito
   
 
SERGIO BERLATO Consigliere regionale del Veneto Deputato Italiano al Parlamento Europeo
CACCIA
PESCA
AGRICOLTURA
AMBIENTE
PICCOLE E MEDIE IMPRESE
ARTIGIANATO
LEGGI IL PROFILO
I MIEI VIDEO
BERLATO NEWSLETTER
   Leggi le news in archivio ››
ISCRIVITI
    a Berlato newsletter
COMUNICATI STAMPA
FACEBOOK - profilo di Sergio Berlato
TWITTER - profilo di Sergio Berlato
 
SERGIO BERLATO, Consigliere regionale del Veneto
Homepage Profilo Attività Ultime notizie Documenti Contatti Avvisi utili

BERLATO Newsletter › Dettaglio Newsletter

[ torna indietro ]


Newsletter del Gruppo Consiliare Fratelli d'Italia - MCR n. 01 del 01 Luglio 2019

Cultura, ruralità, attualità e famiglia al centro dell’attività del Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia – MCR e dell’operato del Consigliere regionale Sergio Berlato, Presidente della Terza commissione consiliare.

Dalla lotta alla droga, alla tutela della donna e della maternità, passando per le battaglie in tema di caccia e pesca, finendo con l’intitolazione della Sala Stampa alla figura di Oriana Fallaci, in evidenza gli interventi e le azioni del Consigliere regionale Sergio Berlato e della attività della Terza commissione consiliare, in tema di politiche economiche, politiche agricole, politiche per la montagna, ivi comprese caccia e pesca, politiche forestali e dell'energia.

SOMMARIO


Politica - "Approvata la mozione di FdI per promuovere il test anti-droga per gli eletti e nominati nelle istituzioni"

La mozione per promuovere il test anti droga per chi viene eletto e nominato nelle Istituzioni, presentata dal Gruppo consiliare di Fratelli d’Italia, è stata approvata dal Consiglio regionale del Veneto – annuncia il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Sergio Berlato - Il nostro Partito da sempre considera il consumo di stupefacenti uno dei mali peggiori della società. La droga, di qualsiasi tipo, oltre a minare la salute di chi ne fa uso, è una delle maggiori fonti di traffici illeciti e finanziamento della criminalità internazionale. L’ultima relazione annuale al Parlamento relativa al consumo di sostanze stupefacenti in Italia riporta che, sulla base di quanto rilevato nel 2017, circa 4 milioni di italiani hanno utilizzato almeno una sostanza stupefacente illegale e di questi, mezzo milione ne fanno uso frequente – ricorda il Consigliere Berlato. Ribadiamo la necessità di potenziare sempre più le attività di prevenzione, cura e riabilitazione senza tralasciare l’attività di contrasto al traffico e allo spaccio. In quest’ottica e sulla base delle proprie competenze, la Regione del Veneto ha sempre lavorato considerando la tossicodipendenza una vera e propria patologia, uno stato di malattia con gravi risvolti psicologici e sociali. Fondamentale è quindi perseguire con sempre maggior tenacia l’attività di prevenzione con informazione, ricerca, monitoraggio e valutazione per contribuire ad una migliore comprensione di tutti gli aspetti del fenomeno droga. Questo è un impegno che il mondo istituzionale si assume soprattutto per la tutela del futuro dei giovani e delle famiglie – puntualizza Berlato. Il mondo della Politica ed i rappresentanti all’interno delle Istituzioni devono dare un forte segnale d’esempio. Gli eletti nelle Istituzioni dovrebbero essere un punto di riferimento in termini di correttezza nei comportamenti sia in ambito pubblico che nel privato, anche tenendo conto della loro funzione di responsabilità e del loro ruolo. Non solo enunciazioni di principio: la lotta alla droga da parte delle donne e degli uomini delle Istituzioni deve passare anche attraverso la dimostrazione ai cittadini che la propria posizione è frutto di convincimenti personali, che si rispecchiano nel proprio stile di vita. Con questa mozione – conclude il Consigliere regionale Berlato – la Giunta regionale si impegna ad attivarsi per la firma di un protocollo con le ASL affinché gli Amministratori pubblici, a partire dai Consiglieri e dagli Assessori regionali, possano effettuare, ovviamente volontariamente, un test antidroga rendendone pubblici i risultati.

[ Torna al sommario ]



Sociale - "Approvata in Consiglio la mozione 'Tutela della donna e della maternità' Per salvaguardare e valorizzare la vita"

Il Consiglio regionale ha approvato la mozione, presentata dal Gruppo Fratelli d’Italia, con la quale “si impegna la Giunta regionale del Veneto a dare piena applicazione alla legge 194/78 ‘Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione della gravidanza’ – afferma il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Sergio Berlato – Spesso si dimentica che la legge 194, considerata ai più come la legge sull’aborto, nasce per tutelare le donne e la maternità prevedendo in particolare l’istituzione di consultori familiari per l’assistenza delle gestanti attraverso un’attività di informazione e prevenzione. Riteniamo che le Istituzioni, in un particolare momento storico come quello attuale, debbano sostenere con politiche sociali adeguate la donna che, in delicate situazioni sociali o per motivi economici, si trova ad affrontare la maternità, dandole la possibilità di scegliere con consapevolezza, ma anche con speranza e fiducia, il futuro suo e del nascituro. A tal proposito crediamo debba essere mantenuta alta l’attenzione sulle azioni di tutela della donna e dei minori partendo dal rilancio dei ruoli dei consultori pubblici in tutto il territorio. Di conseguenza crediamo sia necessario sostenere ed implementare le azioni a sostegno della maternità prevedendo interventi concreti in tutte le fasi della maternità e nei primi anni di vita del nascituro. Altro importante ruolo della legge 194/78 è legato all’informazione e la prevenzione che sono un binomio inscindibile per agire con consapevolezza e responsabilità. 
Il sostegno della famiglia e della natalità, con politiche che siano indirizzate alle necessità della donna, in quanto madre, e del nascituro, sono priorità che devono essere sempre tenute in considerazione dalle Istituzioni. L’approvazione di questa mozione è un segno importante che va nella direzione, per noi di Fratelli d’Italia fondamentale, della tutela e difesa sempre della vita – conclude il Consigliere Berlato.

[ Torna al sommario ]



Terza commissione - Illustrata la Proposta di legge che individua in Avepa le funzioni di organismo pagatore in agricoltura su più regioni

Presentato nella seduta odierna della Terza commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Sergio Berlato (Fratelli d’Italia -MCR) - Vicepresidente Graziano Azzalin (Partito Democratico) - alla presenza dell’Assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan, e ai fini dell’espressione del parere alla Prima commissione consiliare, il Progetto di legge n. 441 di iniziativa della Giunta volto alla modifica della legge regionale n. 31/2001 “Istituzione dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura e ulteriori disposizioni”. Nel corso dell’illustrazione del Progetto di legge, è stato ricordato il ruolo di Avepa quale organismo pagatore, nell’ambito del territorio veneto, di aiuti, contributi e premi previsti dall’Unione europea e finanziati in tutto o in parte dalla stessa, con il cofinanziamento statale e regionale, nonché, previa stipula di apposita convenzione, di gestore di ogni altro aiuto in materia di agricoltura, sviluppo rurale e di altri fondi, il tutto con modalità che il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo ha individuato come “esempio di best practice” da replicare anche in altre realtà. La Proposta è volta ad introdurre nella legge regionale n. 31/2001 una serie di novità tra le quali, in particolare, la possibilità di individuare in Avepa le funzioni di organismo pagatore su più regioni o province autonome, come previsto dal D. Lgs. n. 74/2018 che disciplina la riorganizzazione dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura - AGEA e per il riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare, oppure la possibilità dì concludere accordi e convenzioni dì cooperazione con altri enti e amministrazioni, sia italiane sia europee, per lo scambio dì buone pratiche in materia di erogazione di aiuti e altre attività proprie dell’Agenzia. Durante la presentazione del PDL, la Commissione, per il tramite del Presidente, ha anticipato la formulazione di una nota da inviare alla Giunta regionale affinché, anche alla luce delle eventuali collaborazioni che potrebbero essere richieste da altri enti territoriali, siano comunque assicurate ad Avepa adeguate risorse umane e finanziarie per continuare a garantire i servizi agli utenti veneti. La Commissione, inoltre, ha espresso all’unanimità il parere alla Giunta n. 416 “Piano di classifica degli immobili del consorzio di bonifica Veronese di Verona: primo aggiornamento”. Il cenno alla materia consortile ha offerto l’occasione per porre, in sede di Commissione, alla presenza dell’Assessore Pan, su stimolo del Presidente Berlato, il complesso tema dei lavori di sfalcio e, in generale, della manutenzione dei corsi d’acqua nel periodo di nidificazione della fauna selvatica, con l’auspicio che siano contemperati gli interessi legati alla sicurezza idraulica, ambientale e statale con le esigenze di gestione faunistica. La Commissione infine ha dato il proprio via libera all’unificazione dei Progetti di legge n. 426, primo firmatario il Consigliere Stefano Valdegamberi (Tzimbar Earde), e n. 438 di iniziativa del Consigliere Berlato, entrambi rubricati “Disciplina e valorizzazione delle denominazioni comunali”; l’esame della materia è stata pertanto rinviato in attesa dell’armonizzazione dei testi.

[ Torna al sommario ]



Pesca - "Allarmante calo degli addetti alla pesca e delle vendite nel settore ittico: in 25 anni persi 18 mila posti di lavoro"

Sebbene il consumo del pesce sia aumentato del 79% dal 1993 ad oggi, stiamo assistendo ad un aumento delle importazioni di questo alimento di cui i nostri mari sono ricchi - spiega l’On. Sergio Berlato Presidente della Terza Commissione – precisamente la crescita dell’importazione dal 1993 ad oggi è dell’84%. Come appreso dalla stampa, questo ha comportato una perdita di ben 18.000 posti di lavoro, una diminuzione delle imbarcazioni da 18.000 a 12.500 e un’importazione di più di un milione di tonnellate di pesce straniero. Il nostro pesce dove va? – prosegue il Capogruppo di Fratelli d’Italia Sergio Berlato – La gran parte finisce all’estero, dove il nostro prodotto pare essere più apprezzato. Nell’era del chilometro zero, tutto questo lascia sconcertati. Sarebbe auspicabile un aumento della produzione ittica della nostra regione capace di mantenere gli alti standard di salubrità del prodotto, incentivando gli allevamenti e mettendoli nelle condizioni di lavorare con maggiore sicurezza. “Mangiamo pesce nostrano – conclude Berlato – e riscopriamo quelle specie ittiche che popolano i nostri mari, che nulla hanno da invidiare al tonno pinna gialla delle Filippine o al merluzzo dell’Atlantico del Nord. Facciamo il bene della nostra economia e della nostra tradizione e cultura”.

[ Torna al sommario ]



Cultura - Berlato: "Assumo la presidenza nazionale di ACR-Onlus per la difesa e la promozione della cultura rurale"

 

Il 17 giugno 2019 si è riunita a Thiene(VI) l’Assemblea degli associati di ACR-Onlus per decidere il futuro di questo importante strumento aggregativo che continua ad avere come obiettivo principale la difesa e la promozione della Cultura rurale e di tutte le attività che ne sono portatrici.
Nel corso dell’Assemblea, molteplici sono stati gli interventi che hanno sottolineato la necessità di rilanciare l’azione dell’Associazione per restituirle quel ruolo di polo aggregativo che, al momento della sua nascita, provocò un vasto interesse e riuscì a mettere attorno ad un tavolo i massimi rappresentanti di tutte le categorie economiche e sociali che affondano le proprie radici nella Cultura rurale. Per dare nuovo impulso propositivo all’attività dell’Associazione, l’Assemblea ha proposto all’on. Sergio Berlato di guidare l’Associazione per la difesa e la promozione della Cultura rurale assumendone la presidenza nazionale. Con grande senso di responsabilità e con l’immancabile voglia di combattere per difendere i diritti di tutti i portatori della Cultura rurale, Sergio Berlato ha accettato l’incarico con entusiasmo e senza riserve, dando così modo all’Assemblea di formalizzare l’elezione del nuovo Presidente il quale, dopo aver ringraziato gli associati per la fiducia accordatagli, ha subito chiarito che si aprirà sin da subito una nuova fase. Ha chiesto così a tutti gli iscritti ed a tutti i dirigenti, che non hanno mai smesso di credere nella bontà del progetto, di impegnarsi al suo fianco per far tornare l’ACR-Onlus lo strumento attraverso il quale combattere le battaglie in difesa di tutti i portatori della Cultura Rurale, e con il quale fornire una corretta informazione all’opinione pubblica su cosa rappresentano le nostre attività in termini numerici, economici, sociali ed occupazionali. Nell’ottica di aprirsi quanto più possibile all’esterno, a breve verrà prevista la convocazione di un’altra assemblea ordinaria nella quale verranno definiti ruoli e competenze all’interno del nuovo Comitato di gestione, nonché le linee guida e le azioni da intraprendere per riportare ACR-Onlus a recitare il ruolo che le compete. L’elezione di Sergio Berlato alla guida della struttura aggregativa sarà una garanzia per il futuro dell’Associazione e per chi ha ancora voglia di lottare per tutelare quelle attività che rappresentano una parte importante della nostra storia, della nostra cultura e delle nostre tradizioni.

[ Torna al sommario ]



Caccia - Berlato: L'On Sergio Berlato incontra l'Assessore alla caccia Pan

L’on. Sergio Berlato, Presidente della terza Commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto, ha incontrato ieri, 18 giugno u.s. a Mestre(VE) l’Assessore regionale alla caccia Giuseppe Pan. Gli argomenti trattati nel corso dell’incontro sono stati:

 

1) Calendario venatorio regionale per la stagione venatoria 2019/2020;
2) Applicazione della legge sulla mobilità venatoria in Veneto per la stagione venatoria 2019/2020;
3) Tesserino venatorio regionale;
4) Nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale per il quinquennio 2020/2025. 

 

L’on. Sergio Berlato ha chiesto all’Assessore Pan la sollecita emanazione del Calendario venatorio regionale da parte della Giunta che la legge prevederebbe fosse emanato entro il 15 giugno di ogni anno. Nel merito dei contenuti del nuovo Calendario venatorio, l’on. Sergio Berlato ha chiesto all’assessore regionale la conferma di tutte le specie, dei periodi e dei carnieri già previsti per la passa stagione venatoria, senza ulteriori limiti o restrizioni. Limitatamente alla specie colombaccio, l’on. Sergio Berlato, prendendo atto dell’incremento della specie sul territorio regionale, frutto soprattutto del rispetto garantito alle popolazioni stanziali negli ultimi anni, ritiene che si possa iniziare a permettere un moderato prelievo per un paio di giornate in preapertura ai primi di settembre. L’on. Sergio Berlato ha poi chiesto che venga data piena applicazione, già da questa stagione venatoria, alla legge che permette la mobilità venatoria per la caccia alla selvaggina migratoria in tutti gli ATC del Veneto. Per quanto riguarda il tesserino venatorio regionale, l’on. Sergio Berlato ha chiesto all’assessore Pan che la Giunta ne semplifichi il formato per renderlo più maneggevole e più facilmente compilabile. Per quanto riguarda invece il nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, l’on. Sergio Berlato ha ribadito la richiesta alla Giunta regionale di accelerare con la presentazione della sua proposta, affidando poi alla terza Commissione permanente del Consiglio regionale il compito di trovare le opportune mediazioni prima dell’approvazione da parte del Consiglio regionale del Veneto. Per sentire il parere su questi argomenti dei rappresentanti di tutte le associazioni venatorie del Veneto si è deciso di organizzare un incontro per giovedì 27 giugno alle ore 9,30 a Mestre (VE) nel corso del quale verranno formalizzate le posizioni di ognuna delle associazioni venatorie invitate, prima che la Giunta ed il Consiglio regionale debbano assumere le conseguenti decisioni.

[ Torna al sommario ]



Terza commissione - Avepa organismo pagatore in agricoltura su più regioni: parere positivo al Progetto di legge.

La Terza commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Sergio Berlato (Fratelli d’Italia-MCR) - Vicepresidente Graziano Azzalin (Partito Democratico) - si è espressa positivamente, a maggioranza, in merito al parere sul Progetto di legge n. 441, di iniziativa della Giunta e incardinato presso la Prima commissione consiliare, che modifica la legge regionale n. 31/2001 “Istituzione dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura e ulteriori disposizioni”. In estrema sintesi, il Pdl in questione introduce, tra l’altro, la possibilità di individuare in Avepa le funzioni di organismo pagatore su più regioni o province autonome. Parere positivo, a maggioranza, anche al Pdl n. 440, d’iniziativa della Giunta, “Rendiconto generale della Regione per l'esercizio finanziario 2018”, mentre l’esame del Pdl n. 337 relativo alla disciplina della viabilità silvo-pastorale sarà ulteriormente approfondito nel corso delle prossime sedute, così come l’esame del Pdl n. 338, d’iniziativa del Consigliere regionale Gianpiero Possamai (Lega Nord) “Disciplina della formazione, abilitazione e aggiornamento del ‘cacciatore formato’ in attuazione dell'allegato III sezione IV del regolamento n. 853/2004 CE”, a proposito del quale la Terza commissione ha ritenuto di esperire nel corso delle prossime sedute anche la fase delle audizioni con i portatori d’interesse.

[ Torna al sommario ]



Cultura - "Scoperta la targa con la dedica della Sala Stampa del Consiglio regionale del Veneto a Oriana Fallaci"

Oggi, a palazzo Ferro Fini, sede del Consiglio regionale del Veneto, si è tenuta la cerimonia durante la quale è stata scoperta la targa con la dedica della Sala Stampa del Consiglio regionale del Veneto alla giornalista Oriana Fallaci. Erano presenti il Presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, il Vicepresidente Bruno Pigozzo, il Segretario Generale del Consiglio regionale, dott. Roberto Valente, i consiglieri Sergio Berlato (FdI/MCR), promotore della risoluzione che ha portato a questo riconoscimento, Franco Gidoni (LN) e Orietta Salemi (PD). Il Presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, ha ricordato “quando il Consiglio regionale approvò la proposta di Alessandra Moretti di dedicare una sala alla memoria di Valeria Solesin, il consigliere Barison propose di affidare all’Ufficio di Presidenza l’incarico di individuare lo spazio ideale per commemorare degnamente la giovane ricercatrice veneziana. Nel corso della stessa seduta, il Consiglio approvò anche la proposta del consigliere Berlato che prevedeva la dedica ad Oriana Fallaci di un’altra sala. Come ricorderete a Valeria Solesin fu dedicata la sala di lettura della Biblioteca del Consiglio e oggi dedichiamo la Sala Stampa a Oriana Fallaci: abbiamo atteso una data simbolica e facciamo coincidere questa dedica con l’anniversario della nascita della celebre giornalista, che il prossimo 29 giugno avrebbe compiuto 90 anni”.
“Oriana Fallaci: giornalista, scrittrice, protagonista della nostra storia con analisi acute e taglienti, con quello spirito acuto di fiorentina mai doma – ha continuato Ciambetti - dei giornalisti disse “ogni persona libera, ogni giornalista libero, deve essere pronto a riconoscere la verità ovunque essa sia. E se non lo fa è, (nell'ordine): un imbecille, un disonesto, un fanatico. Il fanatismo è il primo nemico della libertà di pensiero”. A causa del fanatismo, morirono Valeria Solesin e dopo di lei il bassanese Luca Russo e il trentino  Antonio Megalizzi, che si era formato a Verona, giornalista 29enne assassinato a Strasburgo. Ciò che unisce e lega Oriana Fallaci a queste figure di giovani del Triveneto è un monito a noi tutti: la libertà va difesa, giorno dopo giorno; va difesa sicuramente nella stampa, nella lotta alle false notizie, come nella denuncia quotidiana, cosa di cui la Fallaci era maestra: se avrete tempo, andate a rileggere cosa disse nel 2005 a proposito dei rapporti tra politica e potere giudiziario e troverete profetiche quelle sue parole, ripensando a quanto narrano oggi le cronache; purtroppo, molte sue previsioni furono analisi sui pericoli del fondamentalismo islamico”.
“Con questo spirito – ha concluso il Presidente Ciambetti -  con l’invito a difendere la libertà dalle mille insidie che la colpiscono da più parti, il Consiglio regionale ha voluto dedicare a una figura simbolica del giornalismo italiano questa sala in cui, tra l’altro, non sono poche le giornaliste di vaglia che qui operano seguendo i lavori della nostra Assemblea legislativa”.
Sergio Berlato (FdI/MCR): “Siamo orgogliosi, come Fratelli d’Italia, di aver offerto il nostro piccolo contributo facendoci promotori e presentando l’iniziativa di titolare questa importante Sala del Consiglio regionale a Oriana Fallaci, nella convinzione che questa nostra volontà fosse condivisa dalla grande maggioranza dei colleghi consiglieri, cosa che è poi puntualmente avvenuta con il voto in aula”.
“Oggi siamo felici di arrivare alla fine di un percorso iniziato nel novembre 2016, quando ci fu il voto in Consiglio regionale sulla mia Mozione – ha aggiunto Berlato -  Mi auguro che questa Sala Stampa, in futuro, possa aiutare tutti noi a ricordare l’importante figura che Oriana Fallaci ha rappresentato per il nostro Paese, e di cui siamo assolutamente orgogliosi. La Fallaci è stata capace di prevedere con largo anticipo situazioni che poi si sono verificate e anche altre che, tuttavia, mi auguro non si concretizzino negli anni a venire. Oriana Fallaci deve rappresentare un esempio, soprattutto per i professionisti dell’informazione, affinché possano continuare a garantire, in assoluta libertà e autonomia, una informazione corretta, tempestiva e adeguata. Ringrazio il Presidente Ciambetti e tutti i consiglieri che hanno reso possibile la realizzazione, oggi, di questa nostra iniziativa nel ricordo di Oriana Fallaci”.

[ Torna al sommario ]



Terza commissione - Approvata la Proposta di legge che prevede il sostegno e la promozione della filiera agroindustriale della canapa.

Approvato ad ampia maggioranza, senza voti contrari, nella seduta odierna della Terza commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Sergio Berlato (Fratelli d’Italia-MCR) - Vicepresidente Graziano Azzalin (Partito Democratico) - il Progetto di legge n. 325 “Sostegno e promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa (Canapa Sativa L.)”. La Regione del Veneto, una volta approvato il disegno di legge, potrà sostenere e promuovere la coltivazione e la filiera agroindustriale ed agroalimentare della canapa, riconoscendone il ruolo strategico nella bonifica dei terreni, nel contrasto al dissesto idrogeologico, nella fitodepurazione dei siti inquinati, nella bioedilizia e nella bioenergia, con la precisazione che le varietà di canapa di cui si occupa la Proposta di legge non rientrano nell’ambito di applicazione del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti. In base all’articolo 3 della Proposta di legge licenziata oggi dalla Commissione, la Regione promuove le attività di sperimentazione e ricerca funzionali all’espansione della coltura della canapa in un’ottica di sostenibilità ambientale ed economica, l’adeguamento delle strutture e delle dotazioni appartenenti agli operatori della filiera produttiva, nonché la formazione e l’informazione di coloro che operano nella filiera della canapa, e contribuisce (soggetti beneficiari: imprenditori agricoli, cooperative agricole, aggregazioni di imprese, enti pubblici e organismi di aggregazione accreditati dalla Regione del Veneto) ad esempio, alla realizzazione di progetti sperimentali, di campi dimostrativi, di progetti specifici di formazione e informazione, di meccanizzazione delle varie fasi di lavorazione della canapa. A questi scopi, per gli oneri correnti derivanti dall’applicazione dell’articolo 3 del Pdl, è prevista una dotazione finanziaria di 30mila euro per l’esercizio 2019, 70mila per l’esercizio 2020 e 100mila per l’esercizio 2021; per gli oneri in conto capitale, sono previsti 75mila euro per l’esercizio 2020 e la medesima cifra per l’esercizio 2021. Relatore per l’Aula, il Consigliere, nonché primo firmatario della Proposta, Nazzareno Gerolimetto (Zaia Presidente); correlatore, il Vicepresidente Azzalin. Concluso, inoltre, il riesame del Progetto di legge n. 337, relativo alla disciplina della viabilità silvo-pastorale; il Pdl in questione aveva già fatto il suo ingresso in Aula, ma nella seduta del 26 febbraio, a seguito della presentazione di una complessa manovra emendativa, il testo era tornato all’esame della Terza commissione che oggi ha concluso gli approfondimenti; relatore per l’Assemblea, il Consigliere Gianpiero Possamai (Lega Nord), correlatrice, la Consigliera Cristina Guarda (AMP). Approvato all’unanimità, infine, il Parere alla Giunta regionale n. 429 “Approvazione dei progetti di disciplinari di produzione integrata del mais dolce, sorgo da granella, colza, girasole e nocciolo e del disciplinare di produzione dell'agnello al pascolo ed esecuzione della procedura d'informazione alla Commissione europea (quinto provvedimento). Direttiva 2015/1535 UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 settembre 2015, art. 5”.

 

[ Torna al sommario ]



Elezioni europee

Le recenti elezioni europee hanno visto per la circoscrizione Nord-Orientale la vittoria del Consigliere regionale Sergio Berlato con 19.448 preferenze e la conferma della crescita continua di Fratelli d’Italia, che entra in Europa con una percentuale del 6,46%. In attesa dell’insediamento dell’Onorevole Sergio Berlato, continua a seguire il Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia – MCR e l’operato del suo Capogruppo.

[ Torna al sommario ]



Resta connesso con noi

Resta aggiornato iscrivendoti a questa newsletter e segui tutte le attività del Gruppo consiliare di Fratelli d’Italia – MCR e del Consigliere regionale Sergio Berlato attraverso la sua pagina Facebook e il sito internet

[ Torna al sommario ]



[ torna indietro ]

 
 
AIC - Associazione culturale FCR - fondazione culturale ACV Cacciatori Veneti CONFAVI