[ LINKS UTILI ] [ CREDITS ] [ COOKIES POLICY ]
cerca nel sito
cerca nel sito
   
 
SERGIO BERLATO Consigliere regionale del Veneto Deputato Italiano al Parlamento Europeo
CACCIA
PESCA
AGRICOLTURA
AMBIENTE
PICCOLE E MEDIE IMPRESE
ARTIGIANATO
LEGGI IL PROFILO
I MIEI VIDEO
BERLATO NEWSLETTER
   Leggi le news in archivio ››
ISCRIVITI
    a Berlato newsletter
COMUNICATI STAMPA
FACEBOOK - profilo di Sergio Berlato
TWITTER - profilo di Sergio Berlato
 
SERGIO BERLATO, Consigliere regionale del Veneto
Homepage Profilo Attività Ultime notizie Documenti Contatti Avvisi utili

Ultime Notizie

| File allegati | files allegati

MODULO PER LA RACCOLTA FIRME [ file .pdf - 63 Kb ]


[ torna indietro ]

14 Ottobre 2014



PETIZIONE DI FRATELLI D'ITALIA-ALLEANZA NAZIONALE VICENZA "CONTRO LA CORRUZIONE NELLA POLITICA, NELLE IMPRESE E NELLE ISTITUZIONI"



Ai membri del Parlamento Italiano

I Sottoscrittori cittadini italiani   

 

 Considerato che:  

  • Un recente studio dell'Agenzia antifrode europea (Olaf) relativo alle modalità di assegnazione delle gare d'appalto nell'Ue, dimostra che in Italia, la possibilità che un appalto pubblico sia aggiudicato in seguito ad una corruzione del decisore supera il 10% delle gare e si stima che il sistema delle tangenti negli appalti pubblici pesa per circa sessanta miliardi di euro.
 
  • I recenti scandali che hanno investito alcune regioni d'Italia, in particolar modo le Regioni Lombardia e Veneto, stanno portando alla luce l'esistenza di sistemi del malaffare basati su ristrette cupole di affaristi, imprenditori, amministratori pubblici e settori importanti delle Istituzioni, accomunati in vere e proprie consorterie criminali dedite al controllo e alla gestione della pubblica amministrazione.
 
  • Questi sistemi "chiusi" permettono solo a poche aziende di ricevere indebitamente l'assegnazione di appalti per la realizzazione di opere pubbliche, escludendo ingiustamente quelle aziende che operano in maniera onesta e trasparente, privandole del diritto di poter lavorare e di garantire conseguentemente una dignitosa occupazione ai propri operai;
 
  • Il lavoro è l'emergenza principale del nostro Paese, considerando che il posto di lavoro non rappresenta solo uno stipendio ma garantisce dignità alle persone;

 

  Chiedono al Parlamento italiano

 

  • Un quadro nazionale chiaro sulle modalità di assegnazione degli appalti pubblici, riducendo drasticamente la possibilità per i singoli Enti di dettare criteri diversi;
 
  • Innalzamento delle pene e allungamento dei tempi di prescrizione;
 
  • Prevedere un periodo d'interdizione dai rapporti con la Pubblica Amministrazione, da uno a tre anni, per le aziende che hanno tratto un beneficio dall'opera del soggetto corruttore;
 
  • La restituzione con gli interessi di quanto sottratto dalle casse pubbliche dagli amministratori corrotti;
 
  • La previsione di un'ammenda per il danno di immagine che l'amministratore corrotto ha causato all'Istituzione rappresentata, da devolvere agli enti benefici che sul territorio si occupano di sostegno alle famiglie bisognose.
 
  • Il divieto perpetuo di operare con la Pubblica Amministrazione, anche per conto di terzi, per quei soggetti dichiarati colpevoli di reati di corruzione;
 
  • La creazione di un data base pubblico con i nomi di chi si è macchiato di reati contro la Pubblica Amministrazione, utile per evitare di affidare commesse pubbliche a corrotti conclamati o alle aziende per le quali questi prestano la loro opera.

 

 

SCARICA IL MODULO IN ALLEGATO PER LA RACCOLTA DELLE FIRME.

 

I MODULI FIRMATI POSSONO ESSERE INVIATI ALL'INDIRIZZO MAIL info@fdi-anvicenza.it


[ torna indietro ]
 
AIC - Associazione culturale FCR - fondazione culturale ACV Cacciatori Veneti CONFAVI