[ LINKS UTILI ] [ CREDITS ] [ COOKIES POLICY ]
cerca nel sito
cerca nel sito
   
 
SERGIO BERLATO Consigliere regionale del Veneto Deputato Italiano al Parlamento Europeo
CACCIA
PESCA
AGRICOLTURA
AMBIENTE
PICCOLE E MEDIE IMPRESE
ARTIGIANATO
LEGGI IL PROFILO
I MIEI VIDEO
BERLATO NEWSLETTER
   Leggi le news in archivio ››
ISCRIVITI
    a Berlato newsletter
COMUNICATI STAMPA
FACEBOOK - profilo di Sergio Berlato
TWITTER - profilo di Sergio Berlato
 
SERGIO BERLATO, Consigliere regionale del Veneto
Homepage Profilo Attività Ultime notizie Documenti Contatti Avvisi utili

Comunicati stampa

| web | link correlati

COME SI VOTA
VIDEO IL VOTO CHE UNISCE L'ITALIA
[ torna indietro ]

Venezia, lì 16 Febbraio 2018



MARIA CRISTINA CARETTA E SERGIO BERLATO CANDIDATI ALLA CAMERA DEI DEPUTATI CON FRATELLI D'ITALIA: UN'OCCASIONE IMPORTANTE PER TUTTI I PORTATORI DELLA CULTURA RURALE E PER I LEGALI POSSESSORI DI ARMI.



Maria Cristina Caretta, Presidente nazionale Confavi (Confederazione delle Associazioni Venatorie Italiane) e Sergio Berlato Coordinatore per il Veneto di Fratelli d'Italia, da sempre punto di riferimento per il mondo venatorio e per i portatori della Cultura Rurale, sono entrambi candidati alla Camera dei Deputati per Fratelli d'Italia all'interno della coalizione di centro-destra.
E' un'occasione importante per chi ha a cuore la difesa delle attività portatrici della Cultura rurale, del mondo venatorio e con esso dei diritti dei legali possessori di armi. L'impegno e la passione che da sempre contraddistinguono l'azione politica di Sergio Berlato e associativa di Maria Cristina Caretta, rappresentano una garanzia di capacità, competenza, coraggio ed affidabilità.
Quando gli elettori veneti, e in particolar modo le strutture associative che da sempre lo sostengono, hanno consentito a Sergio Berlato di andare a rappresentare Fratelli d'Italia in Consiglio regionale del Veneto, risultando il più votato tra tutti i candidati di tutti i partiti, in pochissimi mesi, grazie alla collaborazione di Maria Cristina Caretta e dei dirigenti dell'Associazione Cacciatori Veneti - Confavi, sono state risolte molte problematiche che affliggevano i cacciatori del Veneto e che qualcuno riteneva di impossibile risoluzione. Ricordiamo tra le tante iniziative le leggi che hanno risolto in via definitiva il problema relativo alla costruzione degli appostamenti ad uso venatorio; l'istituzione del servizio di vigilanza regionale; la legge che permette il contenimento finalizzato all'eradicazione delle nutrie; la mobilità per la caccia alla selvaggina migratoria grazie alla quale abbiamo restituito libertà e dignità ai cacciatori del Veneto; la legge che punisce chi impedisce intenzionalmente l'esercizio della caccia e della pesca; la legge che permetterà una corretta gestione del patrimonio faunistico ittico, ambientale e produttivo del Veneto che introduce il concetto secondo il quale ogni specie di fauna selvatica deve essere gestita; il calendario venatorio unico per tutta la regione; la legge che permetterà di finanziare tutte le associazioni venatorie per formare correttamente i cacciatori e arginare il deprecabile fenomeno del bracconaggio; il tesserino venatorio a lettura ottica ma a compilazione semplificata. Grazie al nostro tempestivo intervento è stata bloccata l'offensiva animal-ambientalista che voleva vedere i cacciatori costretti a segnare i capi sul tesserino venatorio subito dopo l'abbattimento: in Veneto i capi si segnano dopo l'avvenuto incarnieramento.
Queste e molte altre iniziative sono state intraprese. Molte battaglie che si davano per perse sono state vinte. Possiamo affermare con orgoglio di aver risolto tutte le problematiche che potevano trovare soluzione a livello regionale. Alcune delle problematiche che ancora affliggono i cacciatori del Veneto possono però trovare soluzione solo a livello nazionale. Le cacce in deroga possono essere riattivate in Veneto solo se verrà modificato l'art. 19 bis della legge statale 157/92 o se il nuovo Governo provvederà a convocare la conferenza Stato/Regioni per ripartire i quantitativi prelevabili in deroga tra le Regioni che hanno fatto richiesta entro il 30 aprile di ogni anno. Stessa cosa per ciò che riguarda gli impianti di cattura che non potranno essere riattivati se non verrà modificato l'art. 19 bis della legge statale 157/92.
Il nostro impegno sarà finalizzato a trovare soluzioni e garantire dignità a tutti quelli che si riconoscono nelle nostre battaglie. Fratelli d'Italia ha dimostrato con i fatti grande sensibilità e attenzione per le nostre istanze. Vi invitiamo per questo a votare con fiducia la lista di Fratelli d'Italia. Il Vostro voto rappresenterà un investimento per il futuro della Vostra passione e delle Vostre attività.
Votare e sostenerci sarà semplice: Il 4 marzo p.v. fai SOLO una croce sul simbolo di Fratelli d'Italia che troverai nelle schede elettorali che ti verranno consegnate. Non apporre altri segni, pena l'annullamento del voto.
Maria Cristina Caretta
Sergio Berlato
Candidati per l'elezione alla Camera dei Deputati 

[ torna indietro ]
 
AIC - Associazione culturale FCR - fondazione culturale ACV Cacciatori Veneti CONFAVI