[ LINKS UTILI ] [ CREDITS ] [ COOKIES POLICY ]
cerca nel sito
cerca nel sito
   
 
SERGIO BERLATO Consigliere regionale del Veneto Deputato Italiano al Parlamento Europeo
CACCIA
PESCA
AGRICOLTURA
AMBIENTE
PICCOLE E MEDIE IMPRESE
ARTIGIANATO
LEGGI IL PROFILO
I MIEI VIDEO
BERLATO NEWSLETTER
   Leggi le news in archivio ››
ISCRIVITI
    a Berlato newsletter
COMUNICATI STAMPA
FACEBOOK - profilo di Sergio Berlato
TWITTER - profilo di Sergio Berlato
 
SERGIO BERLATO, Consigliere regionale del Veneto
Homepage Profilo Attività Ultime notizie Documenti Contatti Avvisi utili

Comunicati stampa

[ torna indietro ]

24 Settembre 2019



SIAMO PREOCCUPATI PER L’AUMENTO DI FALSI PRODOTTI ITALIANI SUL NOSTRO MERCATO.


Le nostre perplessità e paure, riportate nella mozione n. 253, approvata a larga maggioranza nel 2017 dal Consiglio regionale, si sono dimostrate fondate – esordisce il Consigliere Regionale Sergio Berlato –. Arrivano i primi dati sul CETA, l’accordo commerciale di libero scambio tra Canada e Unione europea, e non possiamo che allarmarci davanti al grande calo di esportazioni che hanno subito i prodotti “made in Italy”. Mentre il Canada festeggia una crescita nella produzione di ben 6,3 milioni di chili di Parmesan, una cattiva copia del nostro Parmigiano Reggiano, i prodotti del settore caseario italiano sono in forte decrescita, citiamo non solo il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano a -32%, ma anche il Veneto formaggio Asiago con ben -44% nell’esportazione. Questi sono dati che ci allarmano, perché colpiscono il settore del “made in Italy” in una maniera inequivocabile.  

È indispensabile – prosegue Sergio Berlato Presidente della Terza Commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto – garantire il rispetto delle nostre regole, perché non si celi dietro alla dicitura “reciprocità nel libero scambio di merce” una deregolamentazione che invece pregiudica in modo particolare la tipicità delle nostre produzioni agricole, non più garantite da specifici controlli in merito alla sicurezza alimentare, ad un’idonea tutela della salute dei consumatori e dei lavoratori di comparto. Il danno è aggravato proprio dagli standard qualitativi al ribasso rispetto a quelli che invece vengono applicati nelle aziende agricole venete e italiane, defraudando così, con questo accordo capestro, interi mercati e comportando sul nostro territorio un grave e pesante impatto sul piano economico, occupazionale ed ambientale.

Da sempre ci battiamo per la difesa delle nostre tradizioni, del “made in Italy” e dei nostri prodotti e ci aspettiamo che questo intento venga perseguito da tutte le forze politiche, affinché venga garantito un percorso di qualità almeno pari a quello che costantemente viene richiesto al nostro paese.


[ torna indietro ]
 
AIC - Associazione culturale FCR - fondazione culturale ACV Cacciatori Veneti CONFAVI